Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Convegno: Il risparmio energetico e la riduzione delle portate d'aria di rinnovo negli edifici

11.11.2013
Il consumo energetico associato al ricambio dell’aria per il mantenimento di elevati standard di qualità dell’ambiente interno degli edifici (Indoor Air Quality) è sempre più un elemento con cui una attenta progettazione, non solo impiantistica, si deve confrontare. Con le nuove normative, la UNI EN 13779/08 e la revisione della norma UNI 10339 (già deliberata dal CTI e a breve in inchiesta pubblica) è possibile ridurre notevolmente i tassi di ventilazione dei locali con notevolissimi risparmi energetici senza rinunciare ad elevati livelli di qualità dell’aria, a patto di filtrare in modo efficace in ambiente le polveri sottili PM 2,5 e 10 responsabili di tutta una serie di patologie. Ricordiamo che recentemente lo IARC (Oms) ha certificato le polveri sottili come cancerogene per l’uomo demandando di fatto il controllo della qualità dell’aria al solo progetto della ventilazione meccanica.
 Vai alla lista